Santa Maria Maggiore, facciata. Inchiostro su carta. Santa Maria Maggiore, baldecchino. Inchiostro su carta. Santa Maria Maggiore, mosaic absidale. Inchiostro su carta. L'icona Salus Populi nella Cappella Borghese di Santa Maria Maggiore. Inchiostro su carta. La colonna mariana di Santa Maria Maggiore. Inchiostro su carta.
Santa Maria Maggiore
Basilica
clicca per leggere l'articolo
Dedica: Maria madre di Cristo
Costruito: c.432dc
Principali interventi: 1288-96, 1743
Reliquie: La Santa Culla, il Salus Populi
Orientamento: 130° est (solstizio d'inverno) Altri articoli:
L'Arte del Riciclo
La Basilica
Nei primi anni del Cattolicesimo una delle questioni più contese fu la natura di Cristo; se Egli nasceva già come Dio, o se l'essenza divina era entrata nel corpo dell'uomo Gesù da adulto. Al concilio di Efeso del 431dc la diatriba risultò in una tumultuosa serie di incontri che finirono per definire la dottrina della preesistenza del Cristo, dichiarando eresia ogni altra posizione. Di conseguenza Maria divenne ufficialmente la Madre di Dio, e quindi parte integrale dell'ordine divino. Papa Sisto III, vescovo di Roma, fece costruire la Basilica per commemorare la promozione della Vergine, e fece installare la Sacra Culla sotto l'altare come simbolo della donna che partorì Dio.
Interno
L'interno della basilica di Santa maria Maggiore è considerato il migliore esempio a Roma di una basilica del tardo impero romano, con una struttura essenzialmente rimasta inalterata dalla sua costruzione negli anni 430dc, soli cento anni dopo la Cristianizzazione dell'Impero, ma con l'Impero d'occidente già in declino. Una buona parte delle decorazioni originali sono sopravissuti, compreso il ciclo di 42 panelli in mosaico sopra la navata ed i mosaici dell'arco trionfale che raccontano scene collegate alla nascita e l'infanzia di Gesù.
Mosaici absidali
I mosaici dell'abside sono stati creati quasi contemporaneamente a quelli della facciata (ora quasi totalmente coperti dalla facciata barocca. Entrambi sono stati commissionati dal vescovo Pietro Colonna, e progettati e creati dallo studio di Filippo Rusuti (facciata) e Iacopo Torriti(abside). Sulla facciata Cristo è seduto da solo sul trono celeste al centro dell'Universo, mentre il mosaico dell'abside mostra lo stesso trono, ma con la Vergine Maria seduta accanto al suo figlio mentre lui pone una corona sulla sua testa. Il Sole ai piedi di lui e la Luna ai piedi di lei rinforzano il contesto celeste.
L'Icona del Salus Populi
La Salus Populi, 'salute del popolo', è da tempo considerato una delle relique più potenti del Cristianesimo. Questo ritratto della Vergine e Bambino fu, secondo tradizione, dipinto dal vero dall'evangelista San Luca poco tempo dopo la Resurrezione, sopra un panello di legno ricavato dal tavolo da pranzo della Sacra Famiglia. Fu considerato particolarmente efficace contro la Peste, come nel famoso episodio quando il Papa Gregorio I la portò in processione nelle strade di una Roma invasa dall'epidemia (593dc), fino a quando si trovò davanti ad una visione dell'Archangelo Michele sopra Castel Sant'Angelo, nell'atto di riporre la spada, segno della fine della divina vendetta. Il Papa Pio V pregò davanti all'icona durante la battaglia decisiva di Lepanto. Paolo V la spostò nella sua capella di famiglia che fece costruire all'interno di Santa Maria Maggiore, e Benedetto XIV la fece raffigurare sopra l'attuale facciata. Si dice che San Luca abbia dipinto almeno 52 altri ritratti della Vergine, di cui 6 si trovano a Roma.
La Colonna della Vergine
Il bronzo impiegato per fondere la statua della Vergine e Bambino è stato recuperato da un gruppo di elementi decorativi di una fontana del V secolo che si trovava al centro dell'atrio della vecchia basilica di San Pietro. rimangono altri elementi della stessa fontana come i due pavoni di bronzo nei musei Vaticani. La colonna proviene dalla Basilica di Massenzio nel Foro Romano. Paolo V commissionò il monumento qualche anno dopo la sconfitta della flotta Turca da parte dei Cristiana nella Battaglia di Lepanto, attribuita all'intervento della Vergine tramite la Salus Populi. L'intera struttura (come le colonne di Traiano e di Nelson) ha la forma classica di un innalzamento di un generale trionfale.
links: Where We Walked: List of icons painted by Saint Luke